Corsi online area Appalti

Seminario

IL MEPA alla luce del nuovo Codice degli Appalti - VIII edizione in fad

Tre moduli formativi interattivi che forniscono al personale degli Enti Pubblici le competenze giuridiche, tecniche ed operative per eseguire correttamente le procedure di acquisto sul MePA, come modificate dal nuovo Codice degli Appalti


Presentazione

Il Mercato Elettronico è ritornato di grande attualità grazie al nuovo Codice degli Appalti D.Lgs. 50/2016 ed alla possibilità di stipulare anche appalti di lavori. Nel 2016 Consip ha aggiornato tutti i bandi del MePA, detti Capitolati d’Oneri, aggiungendone numerosi relativi a lavori di manutenzione.

Il nuovo Codice degli Appalti colloca il Catalogo del Mercato Elettronico, al pari di Convenzioni ed Accordi Quadro, tra gli strumenti telematici di acquisto che non richiedono confronto competitivo (previsto invece dall’abrogato e spesso incompreso art. 328 c. 4 del DPR 207/2010). Questa scelta espone gli Enti al rischio di appalti illegittimi, poiché Consip non controlla la legittimità delle offerte, né la congruità dei prezzi, né i requisiti delle Imprese, né la legittimità delle procedure di acquisto eseguite dagli Enti. Il MePA dunque non è controllato in alcun modo e gli Enti sono gli unici responsabili delle procedure di acquisto ivi eseguite.

Nonostante i dati ANAC mostrano che il nuovo Codice degli Appalti ha provocato una forte riduzione delle gare, sul MePA le gare continuano ad aumentare. Questa tendenza positiva è in parte attribuibile all’obbligo di utilizzo ed in parte all’inconsapevolezza che il Codice ha modificato le procedure anche sul MePA e che sul MePA l’Ente appaltante è l’unico responsabile delle procedure di acquisto.

Peraltro l’obbligo di utilizzo del MePA per l’acquisto di beni e servizi non prevede eccezioni neanche se il mercato tradizionale risultasse più conveniente. Per riuscire a conciliare l’obbligo con l’esigenza di contenere la spesa, non sono sufficienti le deliberazioni della Corte dei Conti che affrontano il problema, ma è sempre necessario conoscere bene le procedure di acquisto sul MePA per trovare la più adeguata alle circostanze, fino ad esperire quella che consente, in caso di esito negativo, di uscire dal Mercato Elettronico.

Da ultimo, sul MePA non è legittimo stipulare qualsiasi appalto anche se inerente le categorie merceologiche dei bandi ma solo quelli che soddisfano i requisiti indicati nei capitolati tecnici allegati ai bandi, pena l’illegittimità. E infatti, dopo che l’enfasi sull’obbligo di utilizzo ha distolto l’attenzione da questa norma che vigeva sin dal lontano 2002, alla fine del 2015 è stata finalmente pubblicata la prima sentenza del T.A.R. Sicilia che riconosceva l’illegittimità sul MePA degli appalti il cui oggetto non è ricompreso nei Capitolati Tecnici allegati ai bandi.

Il corso di formazione in FAD

In questo contesto critico, il corso di formazione a distanza fornisce le competenze giuridiche, tecniche ed operative per eseguire sul MePA le procedure di acquisto previste dal nuovo Codice D.Lgs. 50/2016, conciliando l’obbligo di utilizzo con le esigenze di economicità, il rispetto della normativa con l’efficienza delle procedure.

Il corso è articolato in tre moduli formativi:

  • la disciplina del MePA e gli appalti legittimi sul MePA ai sensi dei nuovi Capitolati d’Oneri per l’abilitazione;
  • le procedure di acquisto sul MePA introdotte dal nuovo Codice D.Lgs. 50/2016;
  • esercitazione di utilizzo del MePA.

#1 La disciplina del MePA e gli appalti legittimi

L’obbligo di utilizzo del MePA

  • Gli obblighi di utilizzo del Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA) e degli altri mercati elettronici per gli Enti Pubblici.
  • Conseguenze e sanzioni in caso di violazione dell’obbligo.
  • Le deliberazioni della Corte dei Conti e l’ipotesi di mitigare l’obbligo per contenere la spesa.
  • Esempi pratici di inefficacia dell’obbligo e necessità di uscire dal MePA.

La disciplina del MePA: i beni e i servizi acquistabili

  • Il Bando o Capitolato d’Oneri: i requisiti dei Fornitori e le categorie merceologiche in cui è organizzato il Mercato Elettronico.
  • Il Capitolato Tecnico: i requisiti dei beni e servizi che possono essere acquistati.
  • Come riconoscere le offerte illegittime nel catalogo.
  • Motivare l’acquisto di beni e servizi fuori dal Mercato Elettronico.
  • Il Patto di Integrità: gli obblighi dei Fornitori del MePA.
  • Le Condizioni Generali di Contratto e la possibilità di derogare ad esse.
  • Le responsabilità di Consip e degli Enti.
  • Le Regole del Sistema di e-Procurement.
  • Le sentenze del TAR sul MePA: dalla 325/2014 del T.A.R. Marche a cui sfugge l’illegittimità di un appalto sul MePA alla 2715/2015 del T.A.R. Sicilia che rileva l’illegittimità di un appalto in relazione alla lex specialis del MePA.

I nuovi Capitolati D’Oneri per lavori pubblici

  • I Capitolati d’Oneri pubblicati da Consip: i requisiti dell’appaltatore e l’oggetto degli appalti stipulabili.
  • Le procedure di acquisto: il limite di importo e la procedura negoziata.

#2 Le procedure di acquisto sul MePA introdotte dal nuovo Codice D.Lgs. 50/2016

Le procedure di acquisto sul Mercato Elettronico (D. Lgs. 50/2016)

  • La collocazione del MePA tra gli strumenti telematici di acquisto e gli strumenti telematici di negoziazione di cui all’art. 3 del Codice.
  • L’Affidamento Diretto realizzato tramite l’Ordine Diretto di Acquisto.
  • L’Affidamento Diretto realizzato tramite la Trattativa Diretta.
  • L’Affidamento Diretto realizzato tramite la Richiesta di Offerta.
  • La Procedura Negoziata realizzata mediante la Richiesta di Offerta.
  • I metodi legittimi per scegliere le Imprese da invitare alla Procedura Negoziata: indagine di mercato, elenco di fornitori, manifestazione di interesse.
  • La Procedura Aperta realizzata mediante la Richiesta di Offerta rivolta a tutte le Imprese.

La Richiesta di Offerta

  • Le specifiche dei beni e dei servizi oggetto della Richiesta di Offerta.
  • I requisiti dei soggetti che possono partecipare.
  • La scelta dell’importo a base di gara.
  • La pubblicità della Richiesta di Offerta.
  • I documenti da allegare alla Richiesta di Offerta.

L’Affidamento Diretto

  • Come realizzare un Affidamento Diretto tramite un Ordine Diretto di Acquisto.
  • Come realizzare un Affidamento Diretto tramite una Trattativa Diretta.
  • Come realizzare un Affidamento Diretto tramite una Richiesta di Offerta.

#3 Come eseguire le procedure di appalto sul MePA

La ricerca dei prodotti e la consultazione del catalogo

  • La ricerca dei metaprodotti tramite i bandi.
  • La ricerca dei metaprodotti tramite la funzione “Sfoglia Catalogo”.
  • La ricerca delle Offerte per bando.
  • La ricerca delle Offerte tramite “Sfoglia Catalogo”.
  • La ricerca delle Offerte per codice.
  • La ricerca delle Offerte tramite il metodo “Trova prodotti”.
  • La ricerca delle Offerte a testo libero.

Predisporre la Richiesta di Offerta

  • La scelta dei metaprodotti oggetto della RdO.
  • La scelta del criterio di aggiudicazione.
  • La scelta dei criteri di valutazione delle Offerte.
  • La definizione dei requisiti tramite la “scheda tecnica” prevista dal sistema.
  • La definizione dei requisiti tramite un capitolato tecnico.
  • La selezione delle Imprese da invitare alla RdO secondo le opzioni proposte dal MePA:
    • RdO aperte a tutti i Fornitori;
    • elenchi di Fornitori;
    • invito di singole Imprese;
    • scelta per area merceologica dell’Impresa;
    • scelta per area di affari dell’Impresa.
  • Le RdO semplificata a riga unica nei casi previsti da Consip e in quelli non ancora previsti da Consip.
  • Come consentire l’invio di una Offerta Tecnica da parte dei Concorrenti.
  • Gli errori più comuni da evitare per lanciare una RdO esente da vizi.
  • Esempi di Richieste di Offerta viziate o illegittime presenti sul MePA.
  • La valutazione delle Offerte ricevute.
  • L’aggiudicazione e la stipula del Contratto.

La quota comprende l’accesso alla piattaforma e il materiale didattico che viene inviato prima dell’avvio dei lavori.
In omaggio i successivi 3 numeri della rivista telematica MediAppalti (www.mediappalti.it)

In caso di iscrizioni pervenute almeno 20 gg. prima della data prevista del corso Mediaconsult garantisce la grande opportunità di continuare la formazione per ulteriori 12 mesi attraverso l'invio, al proprio indirizzo mail, della rivista telematica MediAppalti, specializzata in materia di appalti pubblici.

COSA SERVE

Qualche giorno prima degli incontri saranno fornite le credenziali per accedere alla nostra piattaforma di formazione a distanza.

Per il partecipante è indispensabile dotarsi solo di:

  • un collegamento internet veloce;
  • casse o cuffie.

Requisiti di sistema: Piattaforma Webex

Per qualsiasi informazione o dubbi di natura tecnica contattare la segreteria organizzativa.


Relatore


Sedi del seminario

  • 07 aprile 2017, 13 aprile 2017 e 21 aprile 2017
    Formazione a distanza dalle ore 11.00 alle ore 13.00
MEDIACONSULT S.R.L.
Via Palmitessa, 40
76121 Barletta (BT)
tel. +39.0883.31.05.04
fax +39.0883.57.01.89

P.IVA e C. Fisc: 07189200723
Cap. Soc.: € 12.000,00 i.v.
REA: BA - 538906

info@mediaconsult.it