Le principali novitÓ del D.L. "Sblocca Cantieri" 32/2019


A tre anni esatti dall'emanazione del codice dei contratti pubblici, il D.lgs. n. 50/2016, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 18 aprile 2019 il decreto sblocca cantieri (D.L. n. 32/2019) in vigore, per gli appalti pubblici, dal 20/04/2019.

Occorre però, attendere la legge di conversione, che dovrà intervenire entro i successivi 60 giorni, per conoscere il testo definitivo delle modifiche, con il rischio di vedere approvati innumerevoli cambiamenti ora imprevedibili.

Di seguito, alcune delle principali novità:

  1. l'emanando Regolamento unico manderà in pensione il potere regolatorio dell'Autorità nazionale Anticorruzione con il completo superamento delle linee guida ANAC e dei decreti attuativi;
  2. procedura negoziata per lavori da 40.000,00 euro fino a 200.000,00 con invito ad almeno 3 operatori economici con obbligo di ricorrere alla procedura aperta per importi pari o superiori ad € 200.000,00;
  3. massimo ribasso per le procedure sottosoglia nonchè per quelle soprasoglia relative a servizi e forniture con caratteristiche standardizzate o le cui condizioni sono definite dal mercato;
  4. facoltà nelle gare di importo inferiore alla soglia comunitaria di anticipare l'apertura delle offerte rispetto alla documentazione amministrativa previa espressa previsione nella lex specialis di gara;
  5. possibilità di appaltare il progetto definitivo per i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria che non prevedano rinnovo o sostituzione delle parti strutturali di opere e impianti;
  6. anticipazione del 20% dell'importo contrattuale anche negli appalti di servizi e forniture;
  7. innalzamento del limite del subappalto fino al 50%;
  8. il pagamento diretto ai subappaltatori sarà consentito in caso di inadempimento dell'affidatario o a richiesta del subappaltatore;
  9. ripristino del 2% per gli incarichi tecnici (attività di progettazione, di coordinamento della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione, di verifica preventiva della progettazione, di RUP, di direzione dei lavori ovvero direzione dell'esecuzione e di collaudo tecnico amministrativo ovvero di verifica di conformità, di collaudatore statico);
  10. possibilità per le stazioni appaltanti di nominare commissari di gara interni in caso di carenza di soggetti iscritti all'Albo dei Commissari gestito dall'Anac;
  11. modifiche al metodo di calcolo della soglia di anomalia nelle procedure al prezzo più basso a seconda del numero di offerte ammesse;
  12. obbligo di prevedere l'esclusione automatica delle offerte anomale in presenza di un numero di offerte ammesse pari o superiore a 10;
  13. facoltà per i comuni non capoluogo di provincia di bandire le procedure di gara senza ricorrere alle centrali di committenza.

Software e-Procurement per la Pubblica Amministrazione, Acquisti Telematici

MEDIACONSULT S.R.L.
Via Palmitessa, 40
76121 Barletta (BT)
tel. +39.0883.31.05.04
fax +39.0883.57.01.89

P.IVA e C. Fisc: 07189200723
Cap. Soc.: € 12.000,00 i.v.
REA: BA - 538906

info@mediaconsult.it