Aggiungi l'indirizzo info@mediaconsult.it alla tua rubrica per evitare che le nostre newsletter finiscano nello spam.

Vai su mediaconsult.it
NEWSLETTER - ANNO XI, n. 1 - 3 febbraio 2022

IN EVIDENZA

INTERVENTI DELL'ANAC

PARERI DI PRE CONTENZIOSO

  • Delibera n. 792 del 06/12/2021
    La valutazione delle offerte tecniche costituisce tipica espressione di discrezionalità tecnica e, come tale, è sottratta al sindacato di legittimità del giudice amministrativo, salvo che non si tratti di valutazioni manifestamente illogiche, irrazionali, irragionevoli, arbitrarie ovvero fondate su un altrettanto palese e manifesto travisamento dei fatti.

  • Delibera n. 835 del 21/12/2021
    Spetta alla stazione appaltante la valutazione della rispondenza del prodotto offerto alle caratteristiche minime richieste dal bando.

  • Delibera n. 837 del 21/12/2021
    Le disposizioni normative contenute nell'art. 1 del decreto legge n. 76/2020, convertito in legge n. 120/2020, contengono una disciplina derogatoria, temporalmente limitata e giustificata dall'esigenze di far fronte ad una congiuntura economica resa particolarmente difficile dalla pandemia da COVID-19, che come tale prevale sulla disciplina dei contratti sotto-soglia prevista dall'art. 36 del Codice appalti, con la conseguenza che le previsioni della lex specialis con essa incompatibili devono essere integrate e sostituite, anche con riguardo a quelle in tema di verifica dell'anomalia.

  • Delibera n. 840 del 21/12/2021
    Il requisito dell'esecuzione nell'ultimo triennio di forniture analoghe per un importo minimo, se accompagnata dalla richiesta di comprovare le esperienze pregresse con indicazione di tipologia e caratteristiche delle forniture seguite, è qualificabile come requisito di capacità tecnico-professionale dal quale desumere il dato esperienziale dell'attività svolta nel settore.

  • Delibera n. 841 del 21/12/2021
    La sottoscrizione della domanda o dell'offerta costituisce un elemento essenziale, tuttavia, non impattando sul contenuto e sulla segretezza dell'offerta, la sua eventuale carenza si ritiene sanabile, mediante soccorso istruttorio, esclusivamente nell'ipotesi in cui sia accertata la riconducibilità dell'offerta al concorrente in modo da escludere l'incertezza assoluta sulla provenienza.

PARERI SULLA NORMATIVA

  • Parere del 10/01/2022
    Applicazione del codice dei contratti pubblici e della normativa relativa alla realizzazione di opere e lavori pubblici nell'ambito di un finanziamento pubblico concesso ad un soggetto privato per i lavori di restauro di un complesso ecclesiale dichiarato di interesse culturale, storico, artistico ai sensi del Codice dei beni culturali.

GIURISPRUDENZA

  • Consiglio di Stato n. 8485 del 21/12/2021
    Il discrimen tra raggruppamenti si basa sul contenuto delle competenze portate da ciascuna impresa raggruppata ai fini della qualificazione ad una determinata gara (Cons. Stato, Ad. plen., 13 giugno 2012, n. 22): il raggruppamento orizzontale è caratterizzato dal fatto che le imprese associate (o associande) sono portatrici delle medesime competenze per l'esecuzione delle prestazioni oggetto del contratto, mentre l'A.T.I. verticale è connotata dalla circostanza che l'impresa mandataria apporta competenze incentrate sulla prestazione prevalente, diverse da quelle delle mandanti, le quali possono avere competenze differenziate anche tra di loro, sicchè nel raggruppamento di tipo verticale un'impresa, ordinariamente capace per la prestazione prevalente, si associa ad altre imprese provviste della capacità per le prestazioni secondarie scorporabili.

  • Consiglio di Stato n. 8486 del 21/12/2021
    La giurisprudenza ha così escluso l'automatica invalidità del contratto di avvalimento privo dell'espressa indicazione di un corrispettivo in favore dell'impresa ausiliaria o mancante dei criteri per la sua predeterminazione, ogni qualvolta dal tenore dell'accordo possa comunque individuarsi l'interesse patrimoniale dell'ausiliaria (che l'ha indotta ad assumere le relative obbligazioni e le connesse responsabilitÓ), interesse che può avere carattere diretto (cioè consistere in un'utilità immediata) o anche solo indiretto, purché effettivo.

  • Consiglio di Stato n. 8624 del 27/12/2021
    ...in sede di verifica dell'anomalia non va assunto a criterio di calcolo il "monte-ore teorico", comprensivo anche delle ore medie annue non lavorate (per ferie, festività, assemblee, studio, etc.) di un lavoratore che presti servizio per tutto l'anno, ma deve invece considerarsi il "costo reale" (o costo ore lavorate effettive, comprensive dei costi delle sostituzioni).

  • Consiglio di Stato n. 257 del 14/01/2022
    Nella descritta cornice ricostruttiva, va esclusa la natura condizionata dell'avvalimento, evincendosi dal contratto un impegno chiaro e concreto dell'impresa ausiliaria a prestare i propri requisiti di capacità economico finanziaria di cui al punto 7.2 del disciplinare di gara, e conseguentemente deve ritenersi erroneo l'accertamento della sua invalidità.

  • Consiglio di Stato n. 263 del 14/01/2022
    Gli atti che fanno parte del progetto prodotto dal privato a corredo della sua proposta di partenariato non possono essere annullati in sede giurisdizionale, risultando, quindi, evidente l'insussistenza di alcuno specifico interesse da parte di alcun soggetto all'ostensione di tali documenti prima dell'approvazione del progetto definitivo e della conseguente indizione della procedura concorsuale sulla base dello stesso.

  • Consiglio di Stato n. 365 del 20/01/2022
    Il PassOE non costituisce infatti un "pre-requisito" dell'operatore economico, secondo il modello erroneamente considerato dal primo giudice sulla base di una giurisprudenza che non può trovare conferma, bensì rappresenta solo uno strumento di controllo del possesso dei requisiti auto-dichiarati dai concorrenti, che, in mancanza dell'esplicita previsione normativa della sua essenzialità, non si configura, sotto il profilo operativo e funzionale, come elemento essenziale incidente sulla par condicio dei concorrenti.

  • Consiglio di Stato n. 368 del 20/01/2022
    L'operato dell'amministrazione non ha violato dunque il principio secondo cui il requisito di partecipazione alle gare pubbliche della regolarità contributiva deve persistere per tutta la procedura di gara e anche nella fase esecutiva: infatti, per consolidata giurisprudenza, l'accoglimento di un'istanza di rateizzazione del debito pone nuovamente l'impresa in condizione di regolarità e, quindi, con possibilità di partecipare alla procedura (Consiglio di Stato, Adunanza Plenaria, 5 giugno 2013, n. 15). Correttamente l'amministrazione ha quindi accertato il possesso continuativo dei requisiti richiesti, tanto in capo alla concorrente quanto rispetto all'ausiliaria.

  • Consiglio di Stato n. 164 del 10/01/2022
    ...risponde a logica, prima che alla normativa vigente, che le misure c.d. di self cleaning abbiano effetto pro futuro, ossia per la partecipazione a gare successive all'adozione delle misure stesse, essendo inimmaginabile un loro effetto retroattivo. Solo dopo l'adozione delle stesse la stazione appaltante può, infatti, essere ritenuta al riparo dalla ripetizione di pratiche scorrette ad opera degli stessi organi sociali, posto anche che l'atto sanzionatorio remunera una condotta ormai perfezionata in ogni elemento.

E' SEMPRE IL TEMPO DI FORMARSI
- Gli appalti pubblici e le concessioni in Italia
- Il PNRR e le procedure di gara tra accelerazione e snellimento
- Speciale sulle modifiche dei contratti durante il periodo di efficacia
- L'attività di verifica dei requisiti
- Analisi approfondita ed operativa sui sottosoglia
- Le novità riguardanti l'adeguamento dei prezzi
- Le concessioni demaniali marittime dopo la sentenza dell'adunanza plenaria 18/2021
- Il PNRR e le principali novità in materia di lavori pubblici
- Il nuovo regime del subappalto in vigore dal 1 novembre 2021
- Gli incentivi per le funzioni tecniche
- L'accordo quadro nella contrattualistica pubblica
- La gara con l'offerta economicamente più vantaggiosa e il bando tipo
- Il nuovo regime di responsabilitÓà dei pubblici funzionari: focus sul RUP
- ABC degli appalti pubblici
- Introduzione ai Project Financing, partenariati pubblico-privati ed Energy Performance Contracts

Domande o suggerimenti? Per entrare in contatto con mediaconsult.it Ti invitiamo a inviarci una e-mail all'indirizzo info@mediaconsult.it o chiamarci al numero +39 0883 310504.

Qualora non desideri ricevere in futuro questa newsletter, puoi cancellarti cliccando qui.

MEDIACONSULT S.R.L., P.IVA 07189200723.
Via Palmitessa 40, 76121 Barletta (BT).